Pages Navigation Menu
it en facebook

ORLANDO FURIOSO

Sto caricando la mappa ....

Data / Ora
Date(s) - 07/08/2019
0:00

Luogo
Teatro Romano Volterra

Categorie


Festival Internazionale del Teatro Romano di Volterra

canovaccio CARLO BOSO  Liberamente ispirato all’omonimo poema di Ludovico Ariosto
Spettacolo realizzato in collaborazione artistica con Carlo Boso Il Collettivo Clown per la prima volta in scena alle prese con un canovaccio di commedia firmato dal Maestro Carlo Boso. Riusciranno nell’impresa? Venite gente a rivivere l’intramontabile dramma eroicomico de Orlando Furioso: le donne i cavalier l’arme e gli amori, saranno garantiti risate e batticuori! Lo spettacolo ha debuttato ufficialmente il 20 gennaio 2019 al Teatro Rosetum. Si è già esibito presso Atelier del Teatro e delle Arti e a Mare Culturale Urbano di Milano, al Teatro Binario 7 di Monza, nella stagione di Beat a Basiglio, alla XXIV ed. de Le Strade del Teatro Festival – Robecco sul Naviglio e al Festival dei Diritti di Passirano- BS, al Festival HereX presso Cavallerizza di Torino e al Piccolo Teatro…beh, in verità nella piazza di fronte 🙂 . È atteso il 15 giugno a La Strada Festival di Brescia. Lo spettacolo nasce dall’incontro tra il Collettivo Clown e Carlo Boso, grazie al quale si avvia una sperimentazione per la fusione tra le tecniche di scrittura e messa in scena della commedia dell’arte e il clown contemporaneo. Nasce così il Progetto Farsa Contemporanea, che desidera mescolare discipline, stili ed esperienze differenti per dare vita a un amalgama originale, innovativa, sperimentale e sempre in crescita. Con radici nel teatro comico e rami che tendono alla clownerie, il progetto coltiva questa nuova piantina per farla fiorire nel Circo Contemporaneo, cercando nuovi equilibri, nuovi sguardi e nuove idee, per portare nelle strade e nei teatri risate, gioia, ideali e libertà. Ci si è ispirati al classico Orlando Furioso per rappresentare sia temi senza tempo come la cieca gelosia e l’eterna lotta per il Potere, che argomenti di attualità come l’immigrazione e la paura del diverso. I 46 canti del celebre poema sono strapazzati e trasformati in una ritmata progressione di incidenti, viaggi, colpi di scena, duelli, interazione diretta con il pubblico, battaglie e storie d’amore. I contenuti si sviluppano attraverso la poetica giocosità del clown, con punte di acuta satira in un testo che, pur ispirandosi molto liberamente al poema di Ariosto, ne va a cogliere comunque l’essenza. Un vero e proprio dramma eroicomico che affezionerà il pubblico con le vicende di questi tanto tenaci, quanto patetici, financo buffi paladini. Il progetto, oltre agli attori in scena, vanta un nutrito gruppo di allievi, colleghi e amici che si interessano, studiano, suggeriscono e lo sostengono in vari modi, dando vita a un vero e proprio laboratorio di ricerca.

 

Info: www.teatroromanovolterra.it