Pages Navigation Menu
it en facebook

“Spazio Volterra”

Pubblicato in: Archivio, Info Utili

Continua  l’apertura delle mostre a Spazio Volterra

Scarica la brochure digitale di "Spazio Volterra".

  Visto il grande successo e l’affluenza di pubblico che ha accolto l’apertura del nuovo Spazio Volterra, il centro espositivo – culturale della Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra, recentemente inaugurato  in occasione dei 25 anni dalla costituzione della Fondazione, continua la sua apertura al pubblico. In particolare sarà quindi possibile visitare i 3000 metri quadrati magistralmente recuperati dal restauro dell’ex ospedale civile e le mostre che lo spazio ospita, fino al 2 dicembre tutti i fine settimana e dall’8 dicembre tutti i giorni. Inoltre anche nuovi laboratori saranno organizzati nella struttura modulare. Sarà un grande opportunità per chi ancora non ha avuto occasione di visitare le due esposizioni che la Fondazione ha voluto dedicare a due illustri artisti volterrani, recentemente scomparsi: Mino Trafeli con la mostra Ambiguità dell’Arte: omaggio a Mino Trafeli e Mauro Staccioli con Mauro Staccioli: arte come esperienza, realizzata grazie alla disponibilità e collaborazione dell’Archivio Staccioli, evidenziando il significativo legame di questi artisti noti e stimati in tutto il mondo che avevano con la città di Volterra. Sarà possibile visitare anche le sale dedicate alle rare opere della collezione Mino e Giovanni Rosi, donate alla Fondazione con dipinti di Guttuso, Carrà, Morandi, Corot, ma anche disegni di Pontormo, Bernini, Durer e un raro quadro della scuola di Leonardo Da Vinci. Resta aperta anche l’area al primo piano dell’edificio con Donazioni ad Arte: la Collezione della Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra, quasi interamente dedicata all’esposizione di parte del ricco corpus di Donazioni che negli anni la Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra ha raccolto, perseguendo i fini istituzionali della conservazione e valorizzazione di opere e artisti significativi per la città di Volterra. In esposizione opere delle Donazioni Dino Caprai, Leonetto Cozzi, Paolo Molesti, Volterra 73.15, Licio Isolani, Giuseppe Guarguaglini. Si tratta di un ampio excursus storico che, oltre a presentare opere databili dal XV secolo ad oggi, vuole raccontare la curiosità, la conoscenza e la tecnica di uomini che hanno costruito la propria esistenza intorno all’atto creativo. Un raccolto ma importante spazio dell’area espositiva è dedicato alla civiltà etrusca, intesa come più significativa radice culturale e storica della città nella mostra Artisti e artigiani della civiltà etrusca: reperti e opere mai visti. Grazie alla collaborazione della Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio per le Province di Pisa e Livorno, sono visibili reperti e opere mai esposti in precedenza al pubblico: importanti corredi funerari provenienti dalla tomba a loculo dei Marmini, dalla Necropoli delle Ripaie e una straordinaria urna in selagite dalla Necropoli di Badia. L’ingresso è gratuito. La cura delle mostre è di Giulia Cavallo. L’allestimento degli spazi espositivi di Valerio Di Pasquale    

Spazio Volterra si arricchisce di due nuove importanti opere dell’artista Renato Frosali posizionate con suggestive istallazioni nell’area archeologica

Due nuove opere si aggiungono alle mostre già in corso allo Spazio Volterra, il centro espositivo – culturale della Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra, recentemente inaugurato  in occasione dei 25 anni dalla costituzione della Fondazione. Si tratta di due dipinti di particolare impatto  dell’artista toscano Renato Frosali, collocati attraverso una particolare e suggestiva istallazione di luci nell’area archeologica ospitata all’interno dell’edificio. Le opere contestualizzate nell’ambiente che le ospita esprimono così un valore aggiunto proprio perché parlano di amore e di morte. IL TRAGICO GUADO. Viaggio di un Poeta in fuga è il dipinto che Frosali dedica alla vicenda del poeta di origine turca Michele Marullo. Lo stesso artista racconta come quest’opera gli sia stata ispirata dalla lettura di un libro di  Tomaso Montanari che aveva rievocato la vicenda del poeta  presente alla corte di Giovanni De Medici, ritratto anche da Sandro Botticelli (l’opera è conservata al Prado), che nel 1500 si trovava in visita all’amico e umanista Raffaello Maffei, a Volterra e da qui, spinto dall’irrefrenabile desiderio di raggiungere la sua “donna bellissima” a Costantinopoli, incurante del maltempo e degli avvertimenti dell’amico, decise di partire, ma il temporale aveva gonfiato le acque del fiume Cecina e il guado gli fu fatale. Nelle sue acque trovò la morte. Una lapide nella Pieve di Pomarance celebra questo evento. Frosali ricorda come anche un gruppo di intellettuali, tra i quali Benedetto Croce, Piero Calamandrei, Luigi Russo si recarono, qualche secolo dopo, a far visita a quei luoghi, per rendere omaggio al poeta. Questa suggestiva storia ha ispirato l’artista che ha voluto immortalare la vicenda nella sua opera che vuole rappresentare il momento del trapasso di Marullo, immaginando romanticamente l'anima del poeta che vaga nella notte sopra le acque del fiume Cecina. Il percorso verso la morte è reso evidente dalle tre lastre di gesso poste sotto il dipinto: i piedi di Marullo, le sue impronte e poi il nulla. L’altra opera esposta, L’ultimo mendico appartiene ad una sere di dipinti che l’artista ha dedicato alle case di Pompei. L’opera esposta rappresenta un mendicante intento a reperire il cibo per la cena. Gli scavi archeologici condotti nella domus appartenuta al personaggio oggetto del dipinto, hanno portato alla luce resti e carcasse di animali abbandonati nelle vie di Pompei invase dalla lava del vulcano. La forza drammatica, l’inquietante pathos che da entrambe le opere emana si sposa perfettamente con gli spazi che le ospitano, mettendo in evidenza come le radici dei lavori di Renato Frosali affondino nei meandri della storia e nella scultura funeraria etrusca.   L’allestimento degli spazi espositivi  è di Valerio Di Pasquale   Spazio Volterra via Persio Flacco 2, Volterra   Per informazioni e prenotazioni: 0588 80329 - info@fondazionecrvolterra.it Per prenotare una visita guidata contattare l’Associazione Vademecum: 331/2733472vademecumvolterra@gmail.com
Leggi Tutto....

I MEDICI e la VERITA’ sul SACCO di VOLTERRA

Pubblicato in: Archivio

La vera storia del sacco di Volterra

“Ma in realtà, come è andata la vera storia del sacco di Volterra?”. Questa una delle domande più ricorrenti tra i volterrani, quando hanno potuto seguire su RAI 1 la seconda serie della fiction e sono rimasti incuriositi da Lorenzo dei Medici, detto il Magnifico, che non sembrava quella figura poco positiva di cui tutti avevano sentito parlare.Ecco che allora il Consiglio della PRO Volterra, in accordo con l’Amministrazione Comunale, ha creduto interessante organizzare una serata, aperta a tutti, nel corso della quale fornire una sintetica ma realistica ed esauriente presentazione del personaggio e dei suoi rapporti con la nostra città. Venerdì 18 gennaio, alle ore 17, in Sala del Maggior Consiglio, sarà dunque possibile avere un ritratto del personaggio, grazie al prof. Renato Bacci che parlerà del politico e del poeta, a cui farà seguito Claudio Gazzarri con una ricostruzione sintetica ma puntuale del sacco, per poi concludere con letture di Simone Migliorini, sempre inerenti l’argomento,accompagnato da virtuosi rappresentanti della Accademia della musica. Al termine, per chi lo vorrà, sarà possibile visitare gratuitamente, un’interessante mostra che il Comune ha allestito al 3° piano del Palazzo Comunale, esponendo materiali relativi ai Medici,conservati all’interno dei nostri Musei. Un pomeriggio davvero interessante quello di venerdì 18 gennaio,  a cui Pro Volterra e Comune invitano tutti a partecipare.    
Leggi Tutto....

Privata Assistenza

Pubblicato in: Archivio

Assistenza domiciliare

Servizi socio-sanitari per anziani, malati e disabili.

Piani assistenziali specifici per Alzheimer e Parkinson.

Le nostre soluzioni badanti.

  Un tuo caro necessita di assistenza? Ti aiutiamo nella gestione offrendoti servizi personalizzati sulle tue reali esigenze e su quelle della famiglia. Operiamo tempestivamente sulla base di un'attività pianificata e continuativa, ma anche occasionalmente per interventi singoli. Siamo sempre reperibili telefonicamente 24 ore su 24 ore, 365 giorni all'anno, interveniamo per essere sempre a fianco della famiglia. Richiedi senza impegno una visita domiciliare gratuita. Rete nazionale di Assistenza Domiciliare:
  • operatori qualificati
  • rete nazionale
  • assistenza domiciliare
  • 25 anni di esperienza
 

CENTRO di VOLTERRA: 0588-400002

   

SERVIZI SOCIO-SANITARI

  • Aiuto nell'igiene personale quotidiana
  • Aiuto nell'alzata e messa a letto
  • Bagno settimanale assistito
  • Stimolo alla mobilitazione
  • Veglia notturna e/o diurna
  • Assistenza al pasto: preparazione e somministrazione
  • Controllo cute per prevenzione piaghe da decubito
  • Consigli per una corretta conservazione di alimenti e farmaci
  • Valutazione idoneità dell'ambiente domestico per la sicurezza e mobilità dell'anziano
     
  • Veglia notturna
  • Aiuto e assistenza diurna
  • Dimissioni assistite e continuità assistenziale a domicilio

   
  •  Sostituzione per malattie, ferie e weekend
  • Integrazione e formazione

 

  • Accompagnamento assistito

 

SERVIZI SANITARI

   
  • Medicazioni e bendaggi semplici o complessi
  • Prevenzione e medicazione lesioni da pressione
  • Rimozione punti di sutura
  • Preparazione e somministrazione farmaci orali e iniettivi anche tramite flebo assistita
  • Clisteri evacuativi ed estrazioni fecaloma
  • Lavaggio o sostituzione di cateteri vescicali (morbidi) o venosi periferici
  • Controllo e gestione stomie
  • Monitoraggio parametri vitali
  • Osservazione stato alimentazione
  • Gestione e controllo sondino naso gastrico
  • Servizio di prelievo e consegna del campione ematico presso laboratori di analisi
             
  • Cura, prevenzione e riabilitazione
       
  • Riabilitazione e rieducazione posturale
  • Terapia generale dell'artrosi
  • Terapia occupazionale e del movimento
  • Linfofrenaggio manuale
  • Fisiochinesiterapia
              Un supporto concreto per disturbi di:
  • Comunicazione e linguaggio
  • Masticazione e deglutizione
Leggi Tutto....

“A cena da Ferruccio” – 2018

Pubblicato in: Archivio

Una sfida al miglior piatto

Leggi Tutto....

Etruschi e Velathri: Origini e sviluppo della prima civiltà italica

Pubblicato in: Archivio

Anche quest’anno l’Associazione Pro Volterra, in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra, organizza una serie di incontri a carattere storico nei quali verrà affrontato un periodo particolarmente importante della storia di Volterra e del suo territorio. Negli anni scorsi abbiamo, di fatto, effettuato un percorso che ci ha portato ad affrontare vari periodi storici fino ad arrivare al Rinascimento ed al ‘600. Nell’intento di soddisfare il più possibile le curiosità e gli interessi delle tante persone che ci seguono puntualmente (l’ultima edizione a visto oltre settanta iscritti), quest’anno affronteremo un periodo storico completamente diverso. Infatti, in molti, forse incuriositi anche dai recenti rinvenimenti archeologici che hanno caratterizzato la città di Volterra, ci hanno chiesto di parlare del periodo etrusco ed, in particolare, della fase storica che ha visto la nascita della città. A tale proposito dobbiamo ringraziare i molti che ci hanno fatto giungere le loro richieste e proposte al già noto indirizzo e-mail eventi@provolterra.it; all’uopo predisposto dall’Associazione Pro Volterra e appositamente dedicato per inviare idee e richieste sull’argomento degli eventi da organizzare, ovvero pareri su eventi già conclusi. Pertanto, il percorso culturale di quest’anno, costituito da sette incontri settimanali, avrà come titolo “ETRUSCHI E VELATHRI – ORIGINI E SVILUPPO DELLA PRIMA CIVILTA' ITALICA”. Un panorama storico che si articola in un periodo di molti secoli: dall’età del bronzo, con i primi insediamenti, fino al periodo arcaico, culmine dell’evoluzione della nazione etrusca, passando attraverso le varie tesi sull’origine dei “Rasenna” ed il consolidamento di questa civiltà sull’acrocoro volterrano con la nascita della città e le sue peculiarità urbane, cinte murarie, necropoli, luoghi di culto e vita quotidiana. Anche in questa edizione interverranno, quali relatori, personalità di comprovata competenza della materia e ciò consentirà di affrontare il periodo storico mediante la disamina di vari contesti tra loro complementari, quali l’aspetto archeologico, il contesto storico-sociale, quello religioso e quello urbanistico della città. Come di consueto, contestualmente ad un’inquadratura storica di carattere generale, i vari argomenti affrontati saranno declinati sulla realtà del “Volterrano”. Ma non mancheranno iniziative di particolare interesse; infatti, in occasione del quarto appuntamento (4 aprile), oltre al consueto incontro presso il Centro Studi come da programma, sarà prevista anche una visita alla mostra dei reperti rinvenuti in Loc. Ortino, che aprirà il prossimo 30 marzo all’ultimo piano del Palazzo dei Priori, con la presenza e la guida della Dott.ssa Elena Sorge, Ispettrice della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Pisa e Livorno. In tale occasione anticiperemo l’orario di inizio, per una durata complessiva dell’incontro di ben due ore e mezzo. Di seguito anticipiamo i nomi dei relatori e gli argomenti che saranno trattati.
  • Claudio Gazzarri – Resp. Beni Culturali e Monumentali – Associazione Pro Volterra – Le origini dell’etnos etrusco: formazione o provenienza. – Velathri “città murata”: cinte murarie e opere di sostruzione.
  • Giacomo Baldini – Curatore scientifico Museo Archeologico R. B. Bandinelli - Colle di Val d’Elsa – Katà kόmas. Dal centro protourbano alla città di Velathri. – Dal centro alla periferia. Sulla nascita del territorio dell'etrusca Velathri: la Valdelsa. Visita guidata con la Dott.ssa Elena Sorge alla mostra in Palazzo dei Priori sui reperti archeologici rinvenuti in Loc. Ortino.
  • Lisa Rosselli – Ricercatore di Etruscologia e Antichità Italiche – Università di Pisa – Sepolture e riti funerari a Volterra tra l'età del Ferro e l'età Arcaica. – Le forme del sacro a Volterra: santuari e luoghi di culto.
  • Alessandro Furiesi – Direttore della Pinacoteca e Museo Civico di Volterra – Etruschi: le abitazioni e la vita quotidiana.
L’iniziativa si svolgerà sotto il Patrocinio del Comune di Volterra e del Club per l’Unesco di Volterra e si avvarrà della collaborazione dell’Università di Pisa, del Museo Archeologico R. B. Bandinelli Colle di Val d’Elsa, della Pinacoteca e Museo Civico di Volterra e dell’Accademia dei Sepolti, nonché del contributo economico della Unicoop Firenze – Sezione Soci di Volterra che consentirà di coprire parte delle spese organizzative. Come di consueto gli incontri si svolgeranno presso il Centro Studi Santa Maria Maddalena di Volterra, messo a disposizione della Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra che si è fatta carico di ogni onere gestionale. Il primo incontro si terrà mercoledì 14 marzo con inizio alle ore 17,00 e gli altri incontri si terranno nei successivi mercoledì fino al 4 aprile e nei giorni di giovedì dal 12 aprile fino all’ultimo incontro previsto per il 26 aprile. Al termine degli incontri è previsto il rilascio di un attestato di frequenza, comunque subordinato alla presenza ad un numero minimo di incontri. Tramite l’Assessorato alla Cultura e Istruzione del Comune di Volterra sono state interessate le Dirigenze dell’Istituto di Istruzione Superiore Giosuè Carducci e dell’Istituto Tecnico Ferruccio Niccolini che hanno ritenuto i contenuti dell’iniziativa in linea con gli indirizzi di studio previsti a loro interno; pertanto l’attestato di frequenza, rilasciato al termine degli incontri, potrà essere utilizzato ai fini del riconoscimento di “crediti formativi” per gli alunni del 3°, 4° e 5° anno di tutti gli indirizzi di studio. Anche in questa occasione è intendimento utilizzare l’iniziativa per associarvi anche una finalità sociale. Infatti, la piccola quota di iscrizione di ciascun partecipante – di Euro 20,00, per gli studenti e soci Pro Volterra la quota è di Euro 15,00 –, detratte le spese, sarà utilizzata per la costituzione di un fondo da devolvere in beneficienza. Per il tramite della Fondazione “Il Cuore si Scioglie” ONLUS, la cifra raccolta verrà devoluta alla Caritas Diocesana di Volterra. Le iscrizioni vengono raccolte presso l’Ufficio Informazioni dell’Associazione Pro Volterra in piazza dei Priori, 10; tel. 0588.86150; fax 0588-1900764; e-mail info@provolterra.it. Per l’iscrizione sarà necessario comunicare nome, cognome, luogo di residenza, recapito telefonico ed una e-mail di riferimento. Ove l’iscrizione avvenga tramite e-mail/telefono la quota potrà essere versata in occasione del primo incontro. Presso il suddetto ufficio e sul sito dell’Associazione – www.provolterra.it – si potrà prendere visione di ulteriori dettagli e di eventuali aggiornamenti sull’iniziativa.
Leggi Tutto....

Firma la PETIZIONE

Pubblicato in: Archivio

Gli ambulatori medici di Via Roma devono riaprire!

L’Associazione Pro Volterra, facendosi interprete del grave e diffuso disagio che si è creato in città a seguito della chiusura degli ambulatori medici di Via Roma, senza entrare nel merito nella attribuzione di responsabilità tra i medici di famiglia e l’Amministrazione Comunale, organizza una raccolta di firme presso l’Ufficio di Piazza dei Priori (a lato della Torre del Porcellino) per chiedere la rapida e definitiva riapertura degli ambulatori in questione, nell’interesse prioritario della popolazione. La già pesante situazione della sanità locale, continuamente sottoposta a dannosi (e spesso sconsiderati!) tagli ai servizi, è stata ulteriormente aggravata dalla chiusura degli ambulatori di Via Roma: Volterra è una città che conta un numero sempre più alto di persone anziane, la maggioranza delle quali residenti all’interno delle mura, che fino a dicembre trovavano un presidio rassicurante (seppur già ridotto all’osso!) nella presenza dei medici di famiglia in Via Roma, evitando così di doversi recare, con non poca difficoltà e sacrificio, alla casa della salute presso l’Ospedale. La chiusura degli ambulatori nel centro città sta costringendo gli assistiti a spostarsi nella zona ospedaliera, raggiungibile solo attraverso mezzi (privati o pubblici… e, in questo secondo caso, senza garanzia di orari, a causa delle lunghe attese nella sala d’aspetto della casa della salute); poi, una volta ottenuta la “sospirata” prescrizione dei medicinali, gli utenti sono costretti a portarsi di nuovo, con ulteriore disagio, nel centro città dove si trovano le tre farmacie volterrane. L’Associazione Pro Volterra rivolge pertanto un accorato e fermo appello ai medici di famiglia e all’Amministrazione Comunale perché la questione sia risolta in tempi celeri e certi, con il ripristino di un servizio necessario per un accettabile tenore di vita nella nostra città. Invita tutti a recarsi presso l’Ufficio di Piazza dei Priori per sottoscrivere questa richiesta, auspicando che, già prima della chiusura della raccolta di firme, avvenga la riapertura degli ambulatori di Via Roma. VIENI nel nostro Ufficio (P.zza dei Priori, 10 - Volterra) a FIRMARE la PETIZIONE!!
Leggi Tutto....

Seguici su Facebook!!